Nuova Comunicazione liquidazioni periodiche IVA 2017 – Teseo

E’ disponibile in Teseo la procedura per l’elaborazione della nuova comunicazione liquidazioni periodiche dell’iva da inviare all’Agenzia delle Entrate.

 

Viene creato un file che contiene le liquidazioni di ogni trimestre, per i contribuenti mensili conterrà le informazione relative alle tre liquidazioni mensili mentre per i contribuenti trimestrali conterrà le informazioni relative alla liquidazione trimestrale. Sarà opportuno quindi verificare la stampa della liquidazione Iva di ogni mese/trimestre con i dati estratti nella nuova comunicazione e verificarne con il consulente la correttezza o la necessità di eventuali modifiche. Tali dati possono infatti essere modificati manualmente, stampati o salvati in pdf ed inviati via mail direttamente nel programma.

 

In Contabilità e Scadenze -> Tabelle -> Tabelle di contabilità -> Aliquote Iva sono state aggiunte due nuove colonne Escludi acquisti da comunicazione Iva ed Escludi Vendite da comunicazione Iva per poter indicare l’eventuale esclusione di alcuni codici Iva dall’ammontare degli imponibili in acquisto e in vendita. Dalle disposizioni sembra debbano essere escluse le operazioni fuori campo Iva o escluse salvo gli art. 7 e 7 ter e in vendita gli imponibili delle autofatture reverse charge, ma è opportuno consultare il proprio consulente per la definizione delle operazioni da escludere. A tal fine è possibile estrarre la tabella Iva in formato excel.

 

Per elaborare i dati della comunicazione i contribuenti mensili dovranno entrare in Contabilità e Scadenze -> Stampe Iva -> Liquidazione Iva selezionando il primo mese del trimestre da inviare utilizzando poi il nuovo bottone Comunicazione Liquidazioni Periodiche Iva, ripetere l’elaborazione per gli altri 2 mesi del trimestre.

Per i contribuenti trimestrali sarà sufficiente entrare in Contabilità e Scadenze -> Stampe Iva -> Liquidazione Iva, selezionare il trimestre ed entrare nel nuovo bottone Comunicazione Liquidazioni Periodiche Iva.

Entrando nella finestra della comunicazione di un mese/trimestre già calcolato in precedenza verrà effettuato automaticamente il ricalcolo, in caso di modifiche apportate manualmente verrà richiesta l’autorizzazione a procedere con il ricalcolo.

 

Nella finestra viene visualizzato il mese/trimestre selezionato, per i soli contribuenti mensili è possibile scorrere i vari mesi con le frecce Avanti e indietro già presenti nella comunicazione.

 

Nel totale delle operazioni attive (VP2) e passive (VP3) vengono esposti tutti gli imponibili in   acquisto e in vendita salvo quelli esclusi con il nuovo campo inserito nella tabella Iva.

 

Nel campo Iva esigibile (VP4) viene indicato l’ammontare dell’IVA a debito, relativa alle operazioni effettuate nel periodo di riferimento, per le quali si è verificata l’esigibilità, ovvero relativa ad operazioni effettuate in precedenza per le quali l’imposta è diventata esigibile nello stesso periodo, annotate nel registro delle fatture emesse ovvero dei corrispettivi o comunque soggette a registrazione. Sono quindi comprese anche le operazioni Cee e reverse charge.

 

Nel campo Iva detratta (VP5) viene esposto l’ammontare dell’IVA relativa agli acquisti registrati per i quali viene esercitato il diritto alla detrazione per il periodo di riferimento. Nel rigo viene indicata, altresì, l’imposta relativa agli acquisti effettuati dai soggetti che si avvalgono del regime dell’IVA per cassa di cui all’art. 32-bis del decreto-legge n. 83 del 2012, registrati in precedenti periodi, per i quali si è verificato il diritto alla detrazione. Il relativo imponibile non va, invece, riportato nel rigo VP3 in quanto già indicato nella Comunicazione del periodo di registrazione degli acquisti. Nel rigo viene quindi esposta anche l’iva acquisti Cee e acquisti reverse charge.

 

È necessario che le liquidazioni Iva mensili/trimestrali siano state effettuate in definitivo in modo da memorizzare i dati del credito iva periodo precedente e le eventuali compensazioni.

 

Prima di creare il file vanno compilati alcuni campi indicati nella parte inferiore della videata:

Codice fiscale dichiarante: va inserito il codice fiscale dell’amministratore

Codice carica es. 1 per indicare l’amministratore

Codice fiscale società dichiarante:  compilare solo se la presentazione viene fatta da altra società (codice carica 9) e non con intermediario

Codice fiscale dell’incaricato alla presentazione telematica: indicare il codice fiscale di chi effettua l’invio della dichiarazione es. il consulente, se la presentazione viene effettuata direttamente lasciare il campo vuoto

Impegno alla presentazione: chi ha predisposto la comunicazione cioè il contribuente

 

Ci sono poi dati aggiuntivi da inserire per la liquidazione di società di un gruppo o in caso di procedure fallimentari.

 

La creazione del file avviene tramite il bottone Crea file che si attiva automaticamente per i contribuenti trimestrali e solo quando ci si posiziona sull’ultimo mese del trimestre per i contribuenti mensili.

Il file viene creato nella cartella selezionata in fondo alla maschera, il nome del file viene composto automaticamente indicando la partita iva, la dicitura LI che indica liquidazione iva, anno e trimestre di competenza  ed  è comunque modificabile.

 

 

A disposizione per ulteriori chiarimenti

 

Ciessegi Srl